mercoledì 19 agosto 2015

Mare!


(Acquisti marini...)

Oggi mare. Non arrivo neanche a ricordare quand'è stata l'ultima volta che ci sono andata... 
Ma suppergiù un'idea ce l'ho.
L'ho intuito quando, per arrivare, ci ho messo tutto il tempo che mi andava.
Quando, mentre stavo al mare, ho fatto tutto quello che volevo.
Doveva essere col mio ex, sicuro.
Gli uomini si preparano in poco tempo.
Gli uomini si portano poche cose.
E io non sono un uomo.
Vaffanculo.

Sono in spiaggia. E' appena passato da me un venditore ambulante, nero. Abbiamo scambiato due parole ma non ho comprato niente. Ora è andato via. Mi accorgo che c'è qualcosa per terra. E' un oggetto ancora nella sua confezione... Sembra un caricabatterie per cellulare, qualcosa del genere. Non è male, potrebbe anche essere costoso. Mi alzo, mi guardo attorno... Sparito. Dissolto. Vedo un venditore ambulante, nero, e vado a vedere se è lui. Damn, da dietro sembrava. Non è lui. Comunque gli spiego, gli chiedo se ha visto la persona che cerco, gli dico che ha perso una cosa e che gliela voglio restituire...
... Nei suoi occhi c'è una punta di paura. Mi guarda come se non capisse, dice che non sa.
Forse non sa. O forse presto rivedrò la persona che cerco.
Torno al mio ombrellone, mi stendo.
Passeranno cinque minuti che un borsa si poggia per terra accanto a me.
... Mi giro, è lui!
Non mi sbagliavo, l'altro lo ha avvertito.
Gli ridò il suo caricabatterie.
Lui in cambio mi fa lo sconto sul cappello di paglia con la fascia verde fluo.
Queste sì che son cose belle! :-)



(Mare, Ombrellone giallo, Nuvole come Panna Montata...)

Il resto della giornata passa fra il profumo del mare e il sole. Al ritorno a casa sarò un pò color gambero ma niente di grave... Non credevo di stare tanto. E invece non mi annoiavo mai. Sono tornata a casa giusto perchè cominciavo a sentire scottare la pelle...

Avevo con me tutto il kit del book blogger in trasferta :-) Libro più impegnativo (il mio moderno Alice nel Paese delle Meraviglie...). Libro più leggero ("Le fiabe di Beda il Bardo"). Quaderno e penna per ispirazione di post.



Per lo più il mare in settimana è estremamente rilassante, e tranquillo. Famiglie... qualche gruppetto di ragazzi.
A me quelli che mi fanno impazzire sono i tedeschi. Bianchissimi di pelle, stanno al sole finchè non diventano rosso fuoco.
M'immagino la sera in albergo...
Le loro donne poi, o sono incredibilmente bbone o si sono svaccate.
A volte li sento citare passaggi di Fantozzi. Che detto dai "Tu mancia" è tutto dire... :-D

Un'altra cosa che guardavo sono le pareti di roccia. E pensavo... Che ho ancora l'attrezzatura per arrampicare. Mi piaceva. Chissà perchè non me ne sono più interessata...

E in poco tempo (per la verità non credevo così poco..!) ho finito il libro più leggero che mi ero portata dietro, "Le fiabe di Beda il Bardo", sempre di JK Rowling, citato in "Harry Potter e i doni della morte" come libro di favole per giovani maghi e streghe.
Così potrò presto scriverne la recensione, visto che è uno dei libri che rientra nella sfida di lettura a cui sto partecipando :-)

Poi... Ad una certa ora, si è messa vicino a dove stavo io una tipa bionda, da cui sono rimasta folgorata pure io...
Semplicemente, sembrava uscita da una copertina. Bionda, pelle dorata, occhiali con lenti a specchio, ovviamente color oro.
Il primo ad arrivare per provarci è stato un bagnino. Quella conversazione non l'ho ascoltata perchè ero presa dal mio libro... Ma è stato poco... O c'aveva qualcuno da salvare o gli è andata buca...

Il secondo ad arrivare, molto intraprendente, è stato un ragazzo inglese. Le ha chiesto se poteva sedersi e scambiare due parole... e via! Fortuna che lei (le aveva tutte, questa...) parlava inglese come una dee jay figa.
Il guaio era che la strategia di rimorchio dell'inglese mi faceva ammazzare dalle risate e i nostri lettini erano vicini... Per mascherarlo a volte mi giravo... Una volta ho persino tossito... ma quando è partito a raccontare alla tipa di quanto gli mancavano i suoi cari lontani "You know... E' dura", mi son detta 'meglio che vado in acqua sennò a questo gli rido proprio in faccia...'.
Comunque, dopo un pò, questo se n'è andato

E dopo poco ci ha provato un altro.
Sta cosa è stata più buffa perchè sto qui è arrivato ed è rimasto un attimo fermo, vedendo che eravamo tutte e due da sole, e ci ha guardato tutte e due. Sembrava indeciso su quale lettino venirsi a sedere.
Al che ho immaginato di spezzargli gli ossicini se provava a mettersi a sedere sul mio lettino.
... E così fianco sinist ed è andato dalla tipa.
E io ho ripreso il mio libro.
A ognuno il suo.
Del resto per fare la vita della tipa bisogna esserci tagliati...
Lei... Concedeva. La sua compagnia. 
Li benediceva. Quando se ne andavano.
Alla fine era come la regina che dà udienza alla fila dei questuanti a corte...

Dio mi perdoni... Ma ho pensato: e chi resisterebbe a stare senza far niente tutto quel tempo..?

Nessun commento:

Posta un commento