lunedì 26 ottobre 2015

Rubrica: "L'Attimo nel Bosco"

Buon lunedì e benvenuti a "L'Attimo nel Bosco", la rubrica in collaborazione con il blog "Il Bosco dei Sogni Fantastici".
Il nome della rubrica nasce proprio dall'unione dei nomi dei nostri due blog:

L'acquerello di un attimo + Il Bosco dei Sogni Fantastici = L'Attimo nel Bosco

L'idea della rubrica è che una delle due lancia all'altra una 'moneta'. Un'idea, un libro, una curiosità...
E l'altra deve metterci vicino un libro, un'idea, una curiosità che ci stia bene.
Lo scopo della rubrica è dare nuova linfa al mondo dei libri.
O, come capita, divertirsi fra noi, ovvio :-)

Oggi toccava a me lanciare la moneta a Isabella.
E ne ho scelta una che è una piccola storia e anche un bel ricordo, per me.
Quando andavo all'Università, come lavoretto per guadagnare qualcosa, davo ripetizioni.
Quasi subito mi sono attirata e portata avanti esclusivamente alunni bambini, quindi più che ripetizioni li seguivo nei compiti.
Poco male, erano gli alunni che preferivo.
Un lungo periodo ne ho avuto uno che all'epoca era un cucciolo e adesso (a quanto vedo da Facebook) è alto, bello, parla di serate fuori e... Friendzone. La cosa mi sciocca un pò ma mi fa anche tenerezza...
Ad ogni modo, gli piacevano le favole e io me ne procuravo sempre di nuove. Mm, certo che potrei scriverglielo sulla bacheca, penso gli farebbe un gran bene per conquistare le ragazze........ Ok, anche no XD

Un giorno nelle mie ricerche ho trovato questa piccola favola araba sull'origine dei fiori di gelsomino:

Nacquero così i gelsomini


Una bellissima leggenda araba narra della loro origine: esisteva una volta Kitza, la madre di tutte le stelle, che nel suo palazzo di nuvole era intenta a preparare abiti d'oro per tutti i suoi figli astri quando improvvisamente si presentarono davanti a lei un gruppo di stelline che protestavano perchè le loro vesti non erano  sufficientemente belle. 
La madre cercò di rabbonirle e le pregava di non fare troppo chiasso e di non farle perdere tempo perchè doveva ancora vestire tutti gli altri astri. Ma le stelline non l'ascoltavano e continuavano a lamentarsi. 
A quel punto passò da quelle parti Micar, il re degli spazi che, dopo aver saputo il motivo per il quale le stelline facevano tanto rumore, si indignò a tal punto che le cacciò dal firmamento strappandole di dosso gli abiti che avevano e scagliandole nella terra in mezzo al fango. Kitza, profondamente addolorata di quanto era accaduto, era inconsolabile perchè pensava che le sue stelline sarebbero state in quel modo calpestate ed umiliate dagli uomini. 
Ma la signora dei giardini Bersto ebbe pietà della povera madre e decise di trasformare le stelline in fiori profumatissimi. Nacquero così i gelsomini.

*

Parentesi: mi è sempre piaciuto un sacco il nome Micar, e pure il personaggio.

... E questa era la mia moneta! Che cosa ci avrà messo vicino Isabella? Scopritelo nel suo blog.

Per la mia parte de L'Attimo nel Bosco è tutto! :-)
Al prossimo lunedì!

7 commenti:

  1. Io amo queste leggende e favole *-* spero tu ne metta di più *-*

    RispondiElimina
  2. Bellina! Sei passata! <3 Mi ha fatto piacere :) Allora ogni tanto ne metto una apposta u.u :D

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Belle le favole che trattano di leggende!!

    RispondiElimina
  5. anche a me affascinano molto.. questa poi è così carina! ^^

    RispondiElimina
  6. ;) e così si scopre che anche la nostra Anna ha un cuore d'oro.. e non solo di cioccolato!! ^^

    RispondiElimina
  7. non è vero sono cattivissima ^^ :P però yum.. buono il cioccolato *_*

    RispondiElimina