lunedì 14 dicembre 2015

Rubrica: "L'Attimo nel Bosco": Natale in 3 punti


Dicembre è arrivato anche a l'Attimo nel Bosco! Visto che bella la nostra nuova immagine della rubrica? Opera di Isa, la parte grafica del duo ^_^
Come ormai saprete, la rubrica nasce dalla nostra amicizia e per questo, al momento di darle il nome, abbiamo unito i nomi dei nostri due blog :-)
In questo spazio io e Isa ci raccontiamo su un tema. Una settimana lo sceglie lei e una io. 
Oggi toccava a Isa scegliere, e ha proposto di parlare del Natale in tre punti:

1) Una tradizione natalizia della mia famiglia
2) Il regalo più brutto che ho ricevuto a Natale
3) Il regalo più bello ricevuto a Natale

Cominciamo!

1) Una tradizione natalizia della mia famiglia

Prima di metterci a tavola per il pranzo di Natale, facevamo partire la videocassetta della commedia napoletana "Natale in casa Cupiello". Non si pensi ad una cosa noiosa eh, Natale in casa Cupiello è una commedia geniale, ricca di umorismo, passioni, tensione... In questa foto potete vederne due interpreti.

Lei è Ninuccia, interpretata da una bella e sensuale Lina Sastri. Vicino a lei, il padre Lucariello, interpretato da Eduardo de Filippo.
La bella e passionale Ninuccia è finita costretta in un matrimonio con un uomo che non ama, ma i suoi genitori sono felici, perchè si è sistemata con un uomo benestante.
Nina però non lo ama e trova un amante che, fra la tensione generale, trova il modo di infiltrarsi al pranzo di Natale della famiglia di Nina.
E infatti eccolo qui l'amante, a parlare col padre di Nina, che è l'unico a non sapere un bel nulla.


Inizia una stressante altalena fra l'armoniosa atmosfera natalizia, di alcuni personaggi che non sanno niente, e una tensione che si taglia col coltello, quando chi è a conoscenza della liason si confronta con l'amante.
Una recitazione che oggi ce la sogniamo.
Non finirà bene, comunque.

Questa tradizione è andata avanti per almeno un decennio. Tenevamo la commedia come sottofondo, non è che la guardavamo attentamente, ma ogni tanto facevamo attenzione a qualche scena importante e ci facevamo una risata.
La tradizione di guardare "Natale in casa Cupiello" è stata superata dall'avvento di Nipotibus, impossibile  guardare una commedia con un bambino per casa.
Sembra che la tradizione sia stata sostituita da una stanza piena dei suoi regali, con lui che strazia le carte da regalo, presissimo, e tutti intorno a lui a guardare come se fosse più interessante della televisione.
In effetti è così.
Nipotibus vs Arte: Nipotibus wins. 


2) Il regalo di Natale più brutto

Che incubo, me lo ricordo ancora. Stavo con un ragazzo allora, e scarto il suo regalo... Giuro, mi è sembrato di aver sentito quelle musiche teatrali tragiche, nell'aria:
... Un cd di musica classica...
Musica classica... 
Io sono già una persona tranquilla, fammi pure sentire musica tranquilla e la pressione mi scende ad un livello che mi ammazza...
Ho bisogno di roba ritmata io, soprattutto rap, di finti gangaster, di roba pittoresca alla Goran Bregovic, o di qualche raro pezzo veramente cattivo...
Cosa ci facevo io con un cd di musica classica..?
Non avevo ancora alzato gli occhi, non ci riuscivo, e stavo lì a guardare sto cd.
Dicevo a me stessa: "Dì qualcosa. Trova qualcosa di carino da dire. Non mi viene, cazzo. No, aspetta. Adesso alzo gli occhi, lo guardo e visto che gli voglio bene mi verrà qualcosa in mente..."
Ma il peggio doveva ancora venire. Quando ho alzato gli occhi, mi son sentita dire:
"Ho cercato di elevarti".
UUuuuuuu... quanto l'ho elevato io in quel momento..!
Gli ho detto talmente tante parolacce che per la spinta propulsiva è salito in cielo da solo!!!!!
Roba che fuochi d'artificio così, per Natale, non se n'erano visti mai.

3) Il regalo di Natale più bello

La verità..? Non mi ricordo. Carini, sì. Belli non saprei.
Uno che mi sia proprio rimasto nel cuore non me lo ricordo.
Credo che quest'anno ne avrò uno da mettere in questa categoria però. Credo che una mia amica azzeccherà qualcosa di importante, quest'anno. Me l'ha solo fatto intuire, magari ho capito male ma credo che sarà così :-) In caso ne riparleremo!

Per questo lunedì per la mia parte di "L'Attimo nel Bosco" è tutto, andate a vedere cosa ci racconta oggi Isa nel suo blog .

Con questo appuntamento il nostro Attimo nel Bosco entra in pausa natalizia :-) Ci rileggiamo a gennaio!
Dall'acquerello di un attimo e il Bosco dei Sogni Fantastici i migliori auguri a tutti di passare bene queste festività! :-)

6 commenti:

  1. Ho cercato di elevarti? Ma che frase è? O.o

    RispondiElimina
  2. Ho piacere che si capisca l'inutilità dell'uscita :)

    RispondiElimina
  3. Sinceramente.. Natale in Casa Cupiello non sono mai riuscita a vederlo tutto, qualche stracio qui e lì ma non so onestamente com'è l'intera commedia XD
    Per quel che riguarda la frase di quello e i regali scemi dei morosi eh.. lassamo sta <.< io dissi (e lo dico sempre) "l'oro non mi piace, lo trovo troppo visibile e non lo uso" e questo fenomeno un giorno se n'è arrivato con una bella medaglietta col oro, con la mia iniziale e zirconcino brilloso. =.=' da ficcare su per il naso. Lui e la medaglietta.

    RispondiElimina
  4. ma dai? Cavallari conosci anche questa commedia, ti stimo ^^ Poi vabbè, questione di gusti :) Anche a me non piace l'oro :/ Penso che farebbe la stessa fine di te con tuo ex moroso :D

    RispondiElimina
  5. A me un mio ex aveva regalato una giacca che mi faceva sembrare un gorilla... Me lo ricordo ancora come uno dei regali più brutti!!!

    RispondiElimina
  6. ahahaahah, se ti sentisse mia madre..! Ricorda ancora come un incubo una giacca che un mio ex m'ha regalato non ne vuol neanche sentire parlare, dice che m'imbruttiva un sacco :D ... Bè, vedo che a regali brutti di ex sono in buona compagnia!! :D

    RispondiElimina